Fermagli, borchie e cantonali per libri antichi e nuovi

Si tratta delle strutture metalliche poste a protezione dei piatti rivestiti di cuoio il cui impiego era estremamente diffuso in epoca medievale. Si sono volute definire con il doppio termine di borchie e cantonali per conservare un'antica denominazione che indicava come cantonali le strutture metalliche poste agli angoli del piatto e come borchie quelle centrali o dislocate in aree.diverse. Queste strutture metalliche erano state elaborate dagli orafi, cesellatori e argentieri. I libri dell'epoca ancora scritti e illuminari a mano, erano rari e molto preziosi. Venivano custoditi orizzontalmente, utilizzando cosi le borchie e cantonali come protezione dei piatti.

Nel XVI e XVII secolo sempre più raramente si utilizzavano questi fermagli e borchie, perche i libri venivano messi in verticale negli scaffali delle biblioteche. Soltanto i libri utilizzati dal clero, Bibbie e antifonari avevano ancora borchie, cantonali e fermagli.

L'artigiano del metallo creava e vendeva egli stesso queste strutture metalliche al rilegatore, il quale non aveva alcun influsso sul loro stile. La corporazione degli artigiani del metallo confezionava numerosi oggetti per l'uso quotidiano, ad esempio; fibbie per i vestiti, guarniture per le suppellettili domestiche, bottoni, fermagli e borchie per libri. Gli ottonai lavoravano all'epoca i metalli non preziosi come rame, ottone e bronzo tramite pressatura, sbalzatura e stampaggio.

Oggi i rilegatori e restauratori di libri, hanno bisogno sovente di completare soltanto signoli pezzi mancanti ai libri danneggiati. In gran parte mancano pezzi come l'aggancio a riccio vuoto, l'aggancio traforato, l'asticella indipendente, borchie e cantonali che vengono con grande dispersione di tempo tagliati da lastre di ottone, sbalzati o incisi.

Oggigiorno la tecnica della fusione permette di riprodurre fedelmente le forme d epoca. Queste riproduzioni sono vantaggiose solc se eseguite con tirature consistenti.

La Fermagli Müller restaura da molti anni libri antichi ed è costantemente confrontato col problema delle strutture metalliche mancanti. Per cui si è impegnata per ottenere una riproduzione razionale e vantaggiosa. Da tempo copia le parti metalliche ancora in ottimo stato e sviluppa nuovi pezzi. Questi processi scno costosi, ma tramite una tiratura cospicua si abbassa il prezzo unitario.

La ditta Müller offre già da alcuni anni un aiuto ai colleghi, mettendo a disposizione la sua esperienza ed è in grado di offrire dai piu semplici pezzi, fusi in ottone o argento, fino ai cantonali con incastonate pietre preziosc. Le ordinzazioni da catalogo vengono fornite imediatamente. Ciò significa per il rilegatore o restauratore del libro un notevole risparmio di tempo e costi. Per il proprietariodi un antico libro ciò comporta un abbellimento; nonché un completamento del suo prezioso volume.
La proposta di questa ditta può essere intesa per i colleghi rilegatori anche come riempimento di una nicchia di mercato, immaginando di usare queste strutture metalliche per oggetti di un certo valore, come ad esempio: libri per ospiti. scrigni, cartelle, Bibbie e rilegature.